18.11.2016
Ristorante Igniv - Svizzera

Luogo: Bad Ragaz / Svizzera
Prodotto: collezione BISCUIT Natural Genius a parete
Design: Patricia Urquiola
Anno: 2016

PATRICIA URQUIOLA progetta un “nido” per la RISTORAZIONE 

Splendide e originali soluzioni progettuali rendono il ristorante Igniv di Bad Ragaz un luogo per gourmet di tutto il mondo.

Bad Ragaz (Svizzera), xx febbraio 2016 - Una designer fuori dagli schemi, un’azienda con una visione moderna e uno chef pluristellato. Sono questi gli ingredienti che hanno dato vita alla nuova veste del Ristorante Igniv, situato all’interno del Grand Resort Bad Ragaz, che vede la collaborazione tra Listone Giordano, punto di riferimento mondiale nel settore del Parquet, Patricia Urquiola, una creatrice innovativa e Andreas Carminada, un genio dei fornelli.

Protagonista di questo progetto di interior design, Biscuit, la collezione firmata  dalla Urquiola per il marchio umbro che qui fa il suo debutto assoluto nel mondo contract. Si tratta infatti della prima realizzazione che integra questa collezione all’interno di un progetto di restauro esclusivo. Una collezione unica che, dopo aver sedotto il raffinato pubblico del Salone del Mobile, viene ulteriormente valorizzata nella sua dimensione “verticale”. Una parete che diventa sfondo, quadro e cornice allo stesso tempo, punto focale dello spazio intorno alla quale prendono posto gli altri elementi di arredo.

Il parquet s’innalza dal suolo per diventare il nuovo abito delle pareti ricreando un ambiente caldo ed accogliente attraverso delle iconiche boiserie. Il terminale dei listelli è immaginato come un profilo stondato e modifica quindi il consueto carattere lineare del modulo, conferendogli una forte personalità. Ne derivano molteplici versioni che variano dall’intarsio, al mosaico, dalla spina di pesce al cassero regolare con una sagoma fluida che ridisegna le mura con intrecci e sovrapposizioni affascinanti.

Grazie alle forme e alle linee sinuose di questo parquet “verticale”, la Urquiola è riuscita a restituire la tipica convivialità di un nido, (traduzione del romanico Igniv) in accordo con la filosofia culinaria ispirata al concetto di sharing di Andreas Caminada, chef pluristellato del ristorante; per la realizzazione degli interni, sono stati utilizzati un insieme di materiali, alcuni decisamente più classicima usati con modalità innovative, mixati ad altri più contemporanei. Combinazioni materiche dove il legno diventa l’attore principale in combinazione con l’ottone. La palette cromatica è definita da tonalità calde con la predominanza del bordeaux, burgundy, marrone e carta da zucchero enfatizzando così l’intimità e l’atmosfera avvolgente del ristorante che diventa un rifugio.

La collaborazione con Listone Giordano è nata più di due anni fa come un’opportunità stimolante”, racconta l’istrionica spagnola; ho studiato con loro una tecnica nuova per gli incastri, a cui si è aggiunta la complicazione della forma semicircolare. Il mio obiettivo era provare a ripensarli, a metterli in risalto e a farli diventare occasione di un gioco curioso di assemblaggi.”

Sfida vinta che qui diventa strumento d’accoglienza e condivisione. Concepito con lo scopo di offrire un ambiente famigliare, del vecchio ristorante è rimasto solo il camino al centro della stanza e il soffitto a volta, il resto è stato travolto dal ciclone Urquiola che non poteva scegliere modo migliore per mostrare al mondo la poliedricità del parquet di Listone Giordano.

Gli fa eco Andrea Margaritelli, Direttore Marketing di Listone Giordano che in questo progetto vede “l’occasione ideale per mostrare il volto quotidiano di un parquet irriverente. La flessibilità di utilizzo, le molteplici trame possibili e la raffinatezza del disegno esaltano la filosofia dell'azienda, orientata a trasmettere un carattere identitario al legno. Biscuit è parte della linea Natural Genius di Listone Giordano, che rappresenta la cultura centenaria della lavorazione del legno ridefinita dall’attualità della ricerca formale ed espressiva del disegno delle superfici.  

A rendere ancora più suggestivo questo luogo, lo scenario di montagna nel quale è immerso che racchiude tutto lo splendore della Svizzera incontaminata ma a pochi chilometri da Zurigo.

A conferma della filosofia “famigliare”, il ridotto numero di coperti, 30, meglio non lasciarsi scappare l’opportunità di vivere questa esperienza tra un piatto e l’altro!