Listone Giordano incontra la cultura

Intitolata alla memoria del prof. Guglielmo Giordano la Fondazione nasce nel 2000 a Perugia con il preciso intento di svolgere la propria azione negli stessi ambiti ove si esplicarono la ricerca scientifica e gli interessi culturali del celebre tecnologo italiano.

La Fondazione promuove quindi studi e ricerche di carattere storico e tecnologico sulla materia legno e parimenti interagisce con il mondo dell’arte attraverso la proposizione di seminari, convegni, grandi eventi espositivi e pubblicazioni sulle più significative espressioni artistiche del passato e del contemporaneo. Il programma di ricerca sul tema del legno si svolge all'interno di tre principali indirizzi di studio: un indirizzo ambientale, riguardante il legno inteso come materia prima, ma soprattutto come risorsa forestale da salvaguardare in relazione all'ambiente, al territorio e al paesaggio; un indirizzo scientifico e tecnologico riguardante lo studio delle strutture lignee, particolarmente in architettura; un indirizzo artistico dedicato all'utilizzo del legno nelle arti figurative - dai supporti pittorici alla statuaria, dalla liuteria all'ebanisteria - e nel design.

Le attività della Fondazione Giordano

Nel campo della didattica la Fondazione Guglielmo Giordano opera presso Istituti universitari italiani ed esteri attraverso l'istituzione di premi di laurea sui temi dell'architettura e delle applicazioni del legno in campo tecnologico ed artistico.

Alcune delle pubblicazione realizzate in questi specifici ambiti di ricerca da citare: LIGNEA MATERIA: La Raccolta di modelli di antiche strutture lignee, proveniente dalla Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze e gestita dalla Fondazione Guglielmo Giordano, comprende una scelta di circa trenta pezzi riproducenti strutture lignee del passato, ricchi di grande significato dal punto di vista ideativo e per l’originalità delle soluzioni adottate. PAVIMENTI LIGNEI IN EUROPA: Frutto di un lungo lavoro di ricerca e compilazione, il volume appare un’opera realizzata con il rigore scientifico e la ricchezza iconograficha propri delle grandi pubblicazioni d’arte.
La Fondazione Giordano ha avuto, inoltre, l’onore di patrocinare ed essere partecipe in veste di organizzatore di alcune tra le più importanti mostre dedicate ad indiscussi geni del Rinascimento Italiano quali Michelangelo e Raffaello, ospitate nei maggiori musei d’Italia. Eventi culturali di alta qualità che denotano la condivisione da parte dell’azienda di quei valori del bello e di quel patrimonio di “classicità” che costituiscono parte integrante della nostra storia.

  • Guglielmo Giordano

    Nasce a Margarita, in Piemonte, nel 1904. E’ stato un ingegnere e scienziato italiano, esperto di tecnologia del legno e di strutture lignee. Nel 1926 si laurea in ingegneria civile al Politecnico di Torino, e a seguire in Scienze forestali presso l'Università di Firenze.

    Diventa Ispettore del Corpo Forestale dello Stato. Dal 1936 al 1938 svolge le stesse mansioni in Africa orientale. In questo primo periodo la sua attività scientifica si concentra sullo studio delle specie arboree delle alpi occidentali e delle colonie italiane in Africa Orientale.

    Alla fine della seconda guerra mondiale  inizia la carriere di docente universitario prima presso la Facoltà di Agraria dell'Università di Torino poi come professore incaricato di Tecnologia e Utilizzazioni Forestali presso l'Università di Firenze. Nel 1951 pubblica il primo volume del manuale Tecnologia del legno.

  • Guglielmo Giordano

    Nel 1956 fonda l'Istituto Nazionale del Legno del CNR, che dirige fino al 1974, e diviene professore ordinario di Tecnologia del Legno e Utilizzazioni Forestali presso l'Università di Firenze fino al 1980.

    Nel 1996 viene nominato professore emerito presso la stessa università. Nel 1957 gli viene conferita la laurea honoris causa dalla Forstliche Hochschule di Vienna.

     

  • Guglielmo Giordano

    Dopo il pensionamento svolge ancora per alcuni anni l'attività di insegnamento universitario e partecipa a commissioni scientifiche e normative, svolge inoltre attività di consulenza per organizzazioni nazionali ed internazionali (Federlegno - arredo, Association Technique Internationale des Bois Tropicaux di Parigi, FAO, ONU, perizia sulla Cattedra di San Pietro in Vaticano del 1971, e altro).

    Nel 1983, Giordano elabora e mette in produzione il brevetto di un nuovo sistema di pavimentazione in legno pluristrato - noto come Listone Giordano - che risente debolmente delle variazioni termoigrometriche dell'ambiente in cui è inserito.